Alice Tebaldi Designer

Author Archives: Alice

Abbiamo finalmente trovato la lampada adatta al nostro soggiorno, uno splendido cerchio bianco retroilluminato!! Prodotto da Egoluce, Moonlight si presta per essere personalizzato a piacimento. Qui la grafica che ho realizzato ad HOC, un mix di Blackletter e Brushpen si miscelano e danno forma a “Fiat Lux” in grigio medio con alcuni richiami arancio della nicchia laterale e del mobile frontale. Qui sotto alcune foto e la versione di Moonlight spenta/accesa.

Read More

Per questa quinta edizione di 36 Days of Type ho scelto come tema le iniziali dei titoli (in lingua originale) di alcuni dei miei Cult Movies. Riuscite ad indovinare quali sono? Sul mio account Istagram tutte le lettere con il titolo scelto e il perchè, qui la tavola completa.

Il nostro film “50 anni di Montagna” è in concorso alla XII edizione dell’Orobie Film Festival!!!

La proiezione avrà luogo mercoledì 24/01/2018 al Cinema Gavazzeni Seriate.

Qui una breve sinossi dell’opera:

L’opera racconta la storia del Gruppo Alpinistico Presolana, tra scalate e impegno sul territorio che legano, in un ideale passaggio di testimone, le vecchie generazioni alle nuove. Una piccola realtà locale che ha saputo interpretare alpinismo e associazionismo attraversando epoche e trasformazioni sociali, senza mai tradire lo spirito originario: rendere la montagna alla portata di tutti. Sezione Orobie e montagne di Lombardia. Durata 20’ circa.

Il programma intero del Festival OFF 2018 cliccando qui.

Lo scorso mese c’è stata la presentazione di “50 Anni di Montagna“, il film che ho realizzato con Fabio, Nando e Gianluca (Willy), per il 50° Anniversario della fondazione del Gruppo Alpinistico Presolana. Per due anni abbiamo filmato le nostre bellissime Prealpi Orobiche e le uscite dei soci. A poco a poco abbiamo iniziato a raccogliere materiale e, coinvolgendo figure chiave del gruppo, attraverso i loro racconti e le loro memorie abbiamo viaggiato nel tempo e unito ciò che il GAP era “ieri” con ciò che il GAP è oggi. Le loro testimonianze sono il filo conduttore che ci parla di come è nato il gruppo, delle attività che svolge e soprattutto della passione che, dopo tanti anni, è rimasta invariata nel cuore e nella mente di tanti appassionati di montagna. Il film si accomagna ad un volume fotografico in bianco e nero con le fotografie degli ultimi 50 anni. Qui sotto la confezione con DVD e libretto, ancora disponibile in sede Gap. Read More

Ho seguito la classe di Skillshare tenuta da Gemma O’Brien, artista australiana specializzata in lettering, illustrazione e tipografia che seguo da anni. I suoi lavori sono puri capolavori, composizioni piene di dettagli in cui le parole diventano vero e proprio tramite di emozioni. L’obiettivo di questa classe Illustrated Lettering: Drawing Intricate Floral Forms era quello di realizzare una lettera totalmente composta da fiori e foglie, disegnata in bianco e nero con ombre, texture e dettagli. Io ho scelto la lettera A, che è la prima dell’alfabeto e anche l’iniziale del mio nome, eheheh…il carattere di base che ho disegnato è in stile Didone, con forte contrasto tra pieni e vuoti, grazie morbide e ho scelto di disegnare una barra centrale più lunga del normale (mi piaceva l’idea che un fiore uscisse dalla forma della lettera). Per quanto riguarda i riferimenti floreali ho scattato qualche foto a fiori reali, da più punti di vista e ho cercato poi, sul web, qualche strana foglia variegata e delle bacche. Questo è il collage di photoshop della lettera, che poi ho virato a bianco/nero e schizzato a matita.

Read More

La scorsa domenica ho avuto il piacere di conoscere Anna Schettin e seguire il suo corso di Neuland Style tenutosi nello spazio di Progetto Tangram a Brescia. Neuland è un carattere tipografico progettato da Rudolf Kock nel 1923 ed è caratterizzato da un segno scuro e grezzo che trasmette un senso di esotico e selvaggio. Abbiamo iniziato ad approcciarci al carattere analizzando le proporzioni delle Maiuscole Romane, da cui anche Kock è partito. Da lì abbiamo ricreato il tratto con una parallel pen, tenendo lo strumento sempre a 90° nella direzione del tratto (per avere sempre lo spessore pieno). Nel caso delle parti curve delle lettere abbiamo eseguito un primo tratto a 0° (come per le maiuscole romane) ed un secondo a 90° nelle parti di tondo dove lo spessore della linea era sottile: in questo modo si viene a creare una sorta di rettangolo smussato all’interno dello spazio bianco. Qui sotto la bacheca con l’alfabeto di Anna e alcuni dei suoi lavori:

Read More

Questa è la massima che mi sta accompagnando negli ultimi giorni, anzi, settimane ormai. A volte prendere la rincorsa per spingersi in avanti non è facile: l’allegoria dell’altalena mi piace molto, da quel senso di movimento, di azione, di cui, in questo periodo ho proprio bisogno. Magari ne avete bisogno anche voi 🙂